Linkedin Icon
Facebook Icon
Facebook Icon

Startup fortunate, grazie a ILLUMINOTRONICA!

Renesas premia Beltmap, un dispositivo guida per i non vedenti

Nell’ambito del progetto Assodel Foundation, il programma di Assodel (Federazione Distretti Elettronica Italia) che supporta e promuove le startup innovative, la startup Beltmap è stata premiata da Renesas con 200 ore di consulenza gratuita, per aiutarla a trasformare il proprio prototipo in un prodotto industrializzabile.

Dopo aver ottenuto il premio APSTI nell’ambito del Premio Marzotto, vinto il bando FabriQ 3 con il patrocinio del Comune di Milano e essere stati selezionati per partecipare alla spedizione italiana del CES2018 di Las Vegas, è arrivata anche questa bellissima opportunità targata Renesas, grazie ad una sinergia nata nell’ambito di ILLUMINOTRONICA 2017.

Beltrmap, infatti, è una delle 12 startup che erano state selezionate per partecipare all’edizione 2017 della fiera.

In occasione della premiazione, Francesco Rotta, Distribution Sales Manager di Renesas Electronics Corporation, ha commentato:

“Per scegliere quale startup premiare, ci siamo basati su tre criteri: innovazione, necessità di industrializzazione del prototipo per una produzione di volumi e livello di maturità del progetto.

In Beltmap abbiamo trovato semplicità e concretezza del progetto e una solida possibilità di industrializzare il prototipo, inoltre non possiamo fare a meno di citare il coinvolgimento in ambito sociale.”

“Il premio,” prosegue Rotta “che consiste in 200 ore di consulenza gratuita tramite un nostro partner, ha l’obiettivo di aiutare quest’azienda a immettere il proprio prodotto sul mercato, grazie ad attività quali:

  • Revisione progettuale e selezione dei componenti chiave
  • Realizzazione di un progetto HW e SW pronto per la produzione in volumi
  • Sviluppo di software funzionale ed applicativo per il progetto

Abbiamo intervistato Francesco Volpi, CEO e Founder di Beltmap:

In che cosa consiste il vostro progetto?

Beltmap è un dispositivo che fornisce un feedback vibrazionale sulla base della direzione impostata dall’utente su app smartphone.

Questo dispositivo, una cintura indossabile, rappresenta il Google Maps per le persone non vedenti e ipovedenti, una sorta “cane guida elettronico” che conduce la persona verso la destinazione voluta, esclusivamente attraverso l’utilizzo di vibrazioni.

Il nostro scopo è aiutare, grazie a Beltmap, ogni persona non vedente o ipovedente del mondo ad aumentare la propria indipendenza nell’orientarsi.

Come è nata l’idea?

L’idea è nata osservando come le persone non vedenti si orientano nelle città.

Entrando a contatto con il loro mondo abbiamo imparato che è necessaria una memoria straordinaria per orientarsi, ma che purtroppo esiste un grosso limite: quando le persone non vedenti non conoscono un luogo, non hanno la possibilità di visitarlo senza un aiuto esterno.

All’inizio della prototipazione abbiamo scelto i dispositivi tramite continue ricerca e iterazioni di prodotto ma a oggi seguiamo i consigli degli esperti, che hanno decisamente aiutato lo sviluppo del progetto.

Quali difficoltà avete dovuto affrontare?

Le difficoltà sono state molte, dal momento che non era possibile garantire il sostentamento economico nelle fasi iniziali. L’iniziativa è stata dunque portata avanti nel tempo libero e la sfida tecnologica non è stata indifferente.

Gli sforzi nel tempo libero hanno iniziato a essere ripagati alla presentazione del primissimo prototipo dell’idea nel 2014 ad A.Ge.Ra.N.V.I., una associazione genovese si occupa a livello regionale e nazionale delle problematiche dei giovani non vedenti e ipovedenti.

L’associazione ci ha aiutati con entusiasmo fin dalla fase iniziale di prototipazione, insieme ovviamente all’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, che ci ha offerto il suo supporto e validissimi feedback in seguito.

Hai una startup innovativa e vuoi essere protagonista anche tu della prossima edizione di ILLUMINOTRONICA? Invia la tua candidatura qui.

ISCRIVITI

resta aggiornato sulle ultime novità dell'edizione 2018

1

TECNO scarl in qualità di Titolare del trattamento dei dati personali, con sede in MILANO, intende rendere un’adeguata informativa alle persone fisiche che operano in nome e per conto che operano in nome e per conto dei fornitori, dei clienti, dei partner e di altri soggetti ai sensi dell’art. 13 Reg. Eu. 2016/679. Il Trattamento è realizzato per eseguire il contratto di cui ciascun fornitore, cliente, partner e di altro soggetto ed è parte o all'esecuzione di misure precontrattuali o post-contrattuali adottate su richiesta dello stesso, pertanto, potranno essere trattati dati personali delle persone fisiche che operano in nome e per conto dei soggetti indicati per le seguenti finalità: per inoltrare comunicazioni, formulare richieste o evadere richieste pervenute, scambiare informazioni finalizzate all’esecuzione del rapporto contrattuale, ivi comprese le attività pre e post contrattuali. Con riferimento all’art. 7 del d.lgs. 196/2003 e dagli artt. 12 a 22 del Reg Eu potrà esercitare i seguenti diritti: di accesso, di rettifica, alla cancellazione, alla limitazione del trattamento, alla portabilità, di opposizione, di opposizione al processo decisionale automatizzato del GDPR 679/16, l’interessato esercita i suoi diritti scrivendo al Titolare del trattamento al seguente indirizzo mail privacy@tecno.company, specificando l’oggetto della sua richiesta, il diritto che intende esercitare e allegando fotocopia di un documento di identità che attesti la legittimità della richiesta. Leggi l'informativa completa

Photo credit