Linkedin Icon
Facebook Icon
Facebook Icon

Investire sull’Iot: alle banche conviene?

Investire sull’Iot comporta sicuramente molteplici rischi e costi iniziali, ma al tempo stesso l’Internet of Things rappresenta un mondo di opportunità per moltissime aziende, banche incluse.

Le banche registrano costi altissimi sia nella logistica che nella sicurezza, l’IoT potrebbe rappresentare una soluzione per ridurre determinate tipologie di costi, in particolare:

Azioni preventive per gli sportelli bancomat

Gestire gli sportelli bancomat è sempre stato dispendioso, in termini economici e logistici. Basti pensare ai costi relativi al trasporto e al carico di denaro, alla manutenzione e gestione annuale dello sportello, alle bollette dell’elettricità, alla sicurezza (salario delle guardie, videocamere), all’affitto dello spazio, agli interessi per il mantenimento dei fondi inutilizzati e al deprezzamento.

Spesso non è possibile per le banche ridurre questi costi, per questo motivo solitamente diventano “costi di transazione” per i clienti.

Investire sull’IoT può comportare significativi risparmi sui costi di gestione e nelle operazioni degli sportelli automatici. Può capitare ad esempio che gli impianti di raffreddamento non funzionino, o raffreddino troppo. Questi malfunzionamenti possono essere rilevati tramite sensori di temperatura installati ad ogni sportello. Non solo, ogni guasto relativo ad una macchina, o una porta, può essere rilevato dai sensori. Collegando questi sensori a una dashboard centrale di reporting e gestione basata su cloud, le banche possono intraprendere azioni preventive in tempo, risparmiando a lungo sui costi energetici e di manutenzione.

Prevenzione delle frodi

L’IoT può aiutare a identificare le frodi legate alle transazioni con carte di debito/credito. Ogni volta che un cliente fa scorrere una carta, facendo corrispondere la posizione del dispositivo mobile/dispositivo del titolare dell’account con la posizione della transazione, una banca può approvare o rifiutare la transazione con maggiore precisione senza alcuna necessità di verifica telefonica (che è il metodo attuale).

Riduzione degli NPA (non-performing assets)

I prestiti alle imprese sono tra i guadagni più significativi per le banche. Al tempo stesso, però, costituiscono anche una parte importante dei loro NPA.

Investire sull’IoT permette alle banche di rilevare dati da sensori installati ad esempio nel magazzino del mutuatario; in questo modo possono tenere traccia delle materie prime e delle scorte presenti. Analizzando i numeri, le banche potranno assicurarsi che gli importi del prestito siano pagati al momento della vendita delle giacenze in magazzino.
Dato che i moderni magazzini tendono sempre di più ad investire sull’Iot, le banche possono sfruttarlo per ridurre i costi generali nel tracciamento e, di conseguenza, ridurre i loro NPA.

Investire sull’Iot, i fattori che influenzano le decisioni delle banche

Punti di forza dell’IoT

  • Rende le operazioni più efficienti
  • Rappresenta un supporto per l’automazione
  • Procura informazioni più precise per il marketing, flussi di cassa e scoperti
  • Rappresenta un supporto per obiettivi di inclusione finanziaria

Punti di debolezza delle banche

  • Mancanza di prontezza nel processo decisionale
  • Piano d’azione per l’adozione della tecnologia confuso
  • Mancanza di apertura mentale verso l’uso delle ultime tecnologie

Opportunità

  • Maggiore consapevolezza dei consumatori e richiesta di servizi rapidi e personalizzati
  • La spinta del governo verso le transazioni senza contanti
  • Costi ridotti per sensori e tecnologia che consentono la connettività M2M

Minacce

  • Possibili future minacce alla sicurezza
  • Market disruption ad opera di startup IoT

Nonostante i suoi potenziali vantaggi, le banche hanno finora mostrato scarso interesse nello sviluppo delle capacità dell’IoT. I costi di reputazione e finanziari associati alle minacce nell’IoT al momento superano probabilmente i costi opportunità. Tuttavia, ogni giorno vengono migliorate piattaforme già di per sé decisamente avanzate affinchè, un giorno non troppo lontano, anche le banche possano approfittare di soluzioni IoT, senza temere minacce alla sicurezza.

 

Ti interessano le possibili applicazioni IOT nel retail? Vieni a trovarci a ILLUMINOTRONICA – Bologna, dal 29 novembre al 1 dicembre 2018!

ISCRIVITI

resta aggiornato sulle ultime novità dell'edizione 2018

1

TECNO scarl in qualità di Titolare del trattamento dei dati personali, con sede in MILANO, intende rendere un’adeguata informativa alle persone fisiche che operano in nome e per conto che operano in nome e per conto dei fornitori, dei clienti, dei partner e di altri soggetti ai sensi dell’art. 13 Reg. Eu. 2016/679. Il Trattamento è realizzato per eseguire il contratto di cui ciascun fornitore, cliente, partner e di altro soggetto ed è parte o all'esecuzione di misure precontrattuali o post-contrattuali adottate su richiesta dello stesso, pertanto, potranno essere trattati dati personali delle persone fisiche che operano in nome e per conto dei soggetti indicati per le seguenti finalità: per inoltrare comunicazioni, formulare richieste o evadere richieste pervenute, scambiare informazioni finalizzate all’esecuzione del rapporto contrattuale, ivi comprese le attività pre e post contrattuali. Con riferimento all’art. 7 del d.lgs. 196/2003 e dagli artt. 12 a 22 del Reg Eu potrà esercitare i seguenti diritti: di accesso, di rettifica, alla cancellazione, alla limitazione del trattamento, alla portabilità, di opposizione, di opposizione al processo decisionale automatizzato del GDPR 679/16, l’interessato esercita i suoi diritti scrivendo al Titolare del trattamento al seguente indirizzo mail privacy@tecno.company, specificando l’oggetto della sua richiesta, il diritto che intende esercitare e allegando fotocopia di un documento di identità che attesti la legittimità della richiesta. Leggi l'informativa completa


Ti potrebbero interessare anche:

Retail 4.0: pronti per la rivoluzione digitale?

Smart city, da utopia a realtà con IoT e filiera

Retail e personal shopper? Ci aiuta l’intelligenza artificiale