Basta un prato per alimentare l’IoT in città

Bioo è una piccola start-up di Barcellona che sta studiando come utilizzare le piante per alimentare piccoli dispositivi  per l’illuminazione e per l’IoT. E sembra esserci riuscita

La ricerca condotta da Bioo è focalizzata sugli elettroni e le particelle d’acqua che vengono rilasciati nel processo di fotosintesi e sulla decomposizione di sostanze organiche rilasciate naturalmente dalle piante, e funziona!

Naturalmente in questa fase è necessario saper vedere in prospettiva. Un metro quadrato di erba (chiamato tessera) può produrre 1 watt di energia. Non sufficiente per alimentare i nostri elettrodomestici, ma abbastanza per dare vita a un LED o alimentare un piccolo dispositivo IoT, come ad esempio un sensore che misura la qualità dell’aria nel quartiere.

Energia dalle piante attraverso la fotosintesi
Energia dalle piante tramite sfruttamento della fotosintesi e delle aprticelle d’acqua

Il team sta lavorando a un nuovo prodotto che sarà in grado di produrre 3 watt di energia – anche questa  non è una quantità enorme – , che, collegando più  tessere di  erba spermetterebbe di ottenere energia sufficiente per illuminare i sentieri di un parco.

I vantaggi

Rispetto alle celle solari ci sono diversi vantaggi: le celle solari sembrano ecologiche, ma per produrle l’impatto sull’ambiente è molto alto per un ciclo di vita abbastanza breve. Inoltre, le celle solari funzionano solo durante il giorno e questo ovviamente ne riduce l’efficienza.

La soluzione Bioo è “verde”, funziona finché le piante vivono e la potenza viene prodotta in ogni momento: giorno e notte.

I nuovi prodotti in via di sviluppo

La mission di Bioo, per ora, è quella far conoscere il più possibile il proprio prodotto. A questo scopo hanno sviluppato “Bioo Ed” , un kit dedicato agli studenti con tutto il necessario – pianta esclusa – per iniziare a sperimentare direttamente il processo.

Un altro esempio di prodotto è sviluppato è  Wifi Key.  Si tratta di una pianta in vaso che ti consente di accedere a una rete WiFi. L’elettricità prodotta dalla pianta è sufficiente per illuminare il vaso con un LED e per inviare al dispositivo gli accessi alla rete. Sarà sufficiente avvicinare il telefono al vaso per essere automaticamente  connessi a Internet. Con questo prodotto, Bioo punta a bar, ristoranti e altri luoghi pubblici.

Ulteriori informazioni possono essere trovate su biootech.com

Di efficienza energetica, di soluzioni smart e di IoT ne parleremo a ILLUMINOTRONICA , dal 29 novembre al 1 dicembre a Bologna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − tredici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.