Linkedin Icon
Facebook Icon
Facebook Icon

Il 2018 è l’anno del Li-Fi, tra prodotti e casi applicativi

Il Li-Fi è la promettente tecnologia che fa viaggiare i dati con la luce… un nuovo modo per comunicare senza utilizzare la radiofrequenza e che potrebbe un giorno rimpiazzare il “vecchio” wi-fi. Stando ai dati di Global Market Insight, il mercato per questa nuova tecnologia crescerà a un tasso annuo del 55,4% tra il 2018 e il 2023 raggiungendo entro 5 anni un valore di 75 miliardi di dollari.

 

Li-Fi: la tecnologia

Di Li-Fi abbiamo già parlato, ma facciamo una piccola sintesi su cosa può offrire la tecnologia:

  • i dati vengono trasmessi attraverso le reti di illuminazione a LED
  • la trasmissione dati è velocissima, anche 100 volte in più di una comune rete Wi-Fi
  • il Li-Fi non genera campi elettromagnetici
  • di conseguenza, può essere usato in ambienti nei quali le radiofrequenze possono essere dannose (es. negli ospedali)
  • può raggiungere distanze anche molto lunghe
  • ha standard di sicurezza più alti
  • offre possibilità di connessione ulteriore con gli oggetti dell’IoT
  • permette di geolocalizzare le persone all’interno di ambienti chiusi.

 

I protagonisti dell’innovazione

Al cuore dell’innovazione tecnologica legata al Li-Fi troviamo delle aziende europee.
Uno dei nomi più noti è pureLi-Fi, società scozzese che ha ottenuto oltre 25 milioni di investimento e che vede Harald Haas (il professore che presentò per primo la tecnologia nel 2011) come Chief Science Officer. Un’altra azienda leader è Velmenni che ha saputo distinguersi grazie alle sue soluzioni che introducono il Li-Fi negli aerei e che utilizzano la luce di lettura dei passeggeri per trasmettere dati. Dalla Francia, Luciom, è un ulteriore esempio, con l’applicazione del Li-Fi sui jet.

Nella lista c’è anche un’azienda italiana. Una start-up per l’esattezza, guidata dal giovane (under 30) Francesco Paolo Russo. Stiamo parlando di To Be che ha fatto della Visible Light Communication la sua ragion d’essere.

 

Molteplici applicazioni

Il team di To Be sta mettendo a punto un sistema di comunicazione in alcuni parchi archeologici attraverso la connessione Li-Fi. Uno dei luoghi in cui i turisti potranno presto seguire la luce per avere maggiori informazioni è Pompei. Con il progetto smart@Pompei, infatti, i visitatori riceveranno notizie e informazioni su tablet e smartphone al passare vicino ad appositi totem luminosi.

Altre applicazioni interessanti riguardano l’ambito subacqueo (la USA Navy Americana sta testando alcune soluzioni) e il sociale, per agevolare portatori di handicap visivo e uditivo.

Il Li-Fi può essere utilizzato davvero in moltissime applicazioni: negozi e centri commerciali, musei, trasporti, ospedali, fiere e aree urbane…

 

In casa c’è My Li-Fi

Al CES 2018, la società Oledcomm ha presentato My Li-Fi, una lampada a LED che diventa un oggetto connesso facendo entrare la nuova tecnologia nelle mura domestiche.
Si tratta di una lampada che sfrutta la tecnologia Li-Fi e, attraverso la luce delle lampadine, diffonde Internet sul computer degli utenti. Con questo prodotto sarà quindi sufficiente l’accensione di una piccola lampada per garantire la presenza di Internet in casa.

Soluzioni per uffici connessi

Tra le aziende, anche Philips Lighting intende essere tra i leader della nuova tecnologia.
Le sue lampadine per ufficio abilitate al Li-Fi forniscono una connessione a banda larga con una velocità di 30 Mb al secondo rendendo possibile la trasmissione di dati e video in alta qualità e, allo stesso tempo, effettuare video chiamate. Icade, gruppo immobiliare francese,  sta conducendo un test pilota di questa tecnologia innovativa nel suo smart office a La Defense, a Parigi.

Tra le tante società che hanno sviluppato la tecnologia, troviamo anche Rold Lighting che ha sviluppato un innovativo modello di comunicazione dei dati attraverso fasci luminosi.

 

Dubai, la prima smart city con il Li-Fi

Di recente, Dubai ha annunciato  che nel 2021 sarà la prima città a essere connessa con il Li-Fi.
Il progetto rientra negli investimenti messi in campo per l’Expo 2020 per trasformare la città in una delle più avanzate Smart City del Pianeta.
La connessione è proprio il tema dell’esposizione universale, che porta questo payoff: Connecting Minds, Creating the Future”.

 

Volete saperne di più sulla tecnologia Li-Fi, sugli ultimi trend del LED lighting e sull’Internet of Things? Partecipate a ILLUMINOTRONICA, dal 29 novembre all’1 dicembre a Bologna.

 

 

ISCRIVITI

resta aggiornato sulle ultime novità dell'edizione 2018

1

TECNO scarl in qualità di Titolare del trattamento dei dati personali, con sede in MILANO, intende rendere un’adeguata informativa alle persone fisiche che operano in nome e per conto che operano in nome e per conto dei fornitori, dei clienti, dei partner e di altri soggetti ai sensi dell’art. 13 Reg. Eu. 2016/679. Il Trattamento è realizzato per eseguire il contratto di cui ciascun fornitore, cliente, partner e di altro soggetto ed è parte o all'esecuzione di misure precontrattuali o post-contrattuali adottate su richiesta dello stesso, pertanto, potranno essere trattati dati personali delle persone fisiche che operano in nome e per conto dei soggetti indicati per le seguenti finalità: per inoltrare comunicazioni, formulare richieste o evadere richieste pervenute, scambiare informazioni finalizzate all’esecuzione del rapporto contrattuale, ivi comprese le attività pre e post contrattuali. Con riferimento all’art. 7 del d.lgs. 196/2003 e dagli artt. 12 a 22 del Reg Eu potrà esercitare i seguenti diritti: di accesso, di rettifica, alla cancellazione, alla limitazione del trattamento, alla portabilità, di opposizione, di opposizione al processo decisionale automatizzato del GDPR 679/16, l’interessato esercita i suoi diritti scrivendo al Titolare del trattamento al seguente indirizzo mail privacy@tecno.company, specificando l’oggetto della sua richiesta, il diritto che intende esercitare e allegando fotocopia di un documento di identità che attesti la legittimità della richiesta. Leggi l'informativa completa

 

Potrebbero interessarti anche:

La rete Li-Fi: cos’è e come funziona

“La luce non è più soltanto luce!” Parola di lighting designer

Le 10 tendenze del LED lighting nel 2018

Diremo addio ai LED?